Estrattore di succo professionale, quale scegliere?

In questi ultimi tempi, stiamo assistendo ad una rivoluzione della coscienza umana, ognuno di noi è sempre più consapevole di dover badare alla propria salute e all’ambiente in cui vive, ricorrendo a metodi biologici e naturali. Non è una frase precostituita, ma è effettivamente ciò che sta accadendo e ce ne possiamo accorgere semplicemente dalle cose che vengono ordinate al bar. Infatti se siete capitati su questo articolo è perché probabilmente sarete imprenditori, proprietari di un bar, ristorante o un hotel e avete la necessità di acquistare un estrattore di succo professionale, per offrire un succo buonissimo e più genuino possibile, o anche un mix di succhi di frutta e verdura.

Gli estrattori di succo si dividono in due categorie, commerciali e professionali, i primi vengono utilizzati in casa, con tutta la calma del mondo, pulendo e sminuzzando l’alimento da spremere e soprattutto poche volte al giorno o a settimana, i secondi invece vengono impiegati in luoghi abbastanza frequentati, come detto sopra, dove, dunque, si risparmierebbe tempo non tagliando e pulendo la frutta o la verdura, e dove si ha la necessità di un uso prolungato o continuativo dell’estrattore di succo professionale.

Cosa distingue un estrattore di succo professionale da uno commerciale?

Gli estrattori di succo professionali, sono costruiti con parti più sofisticate e studiate appositamente per estrarre il succo più velocemente possibile, non distruggendo le proprietà nutritive, in modo da non dover deludere e perdere un cliente, anzi acquistarlo per l’efficienza e la qualità kuvings-whole-b6000Sdella nostra attività. Allora ci chiediamo, come è possibile estrarre un succo più velocemente, lasciando inalterata la qualità dei succhi? Per fare un esempio, l’Angel Juicer, uno degli estrattori di succo professionali migliore, è dotato di un motore da 80 giri/min, ma abbina un doppio albero con coclea orizzontale per avere la maggior resa nel minore tempo possibile. Inoltre è dotato di un filtro in acciaio inox, che consente di estrarre il succo continuamente, da qualsiasi tipo di frutta, verdura a foglia, germogli, ma anche semi e orzo. Ma non lo consigliamo.

Altro particolare che contraddistingue gli estrattori di succo professionali da quelli commerciali, è l’introduzione delle cosiddette bocche larghe, i canali di inserimento della frutta molto grandi rispetto ai tradizionali, che consentono di non tagliare la frutta o verdura, ma inserirla interamente, risparmiando gran parte del tempo e facendo attendere meno il cliente. Uno dei primi estrattori presenti sul mercato con questo tipologia di bocche è il Kuvings B6000S, molto più economico del succitato, ma con caratteristiche molto diverse, infatti è dotato di singola coclea verticale e plastiche BPA Free. Questo invece lo consigliamo.

Estrattore di succo professionale o Blender?

Ops, cos’è un Blender? Il Blender è simile ad un frullatore ed ha la stessa funzione, ma essendo professionale ha dimensioni molto maggiori del classico frullatore di casa. Tramite questo elettrodomestico, possiamo realizzare frullati, salse, zuppe, creme e quant’altro, quindi non succhi di frutta veri e propri, come con gli estrattori di succo o con le centrifughe, ma se i nostri cari clienti richiederanno un succo ricco di fibra, pur essendo una richiesta un po’ particolare e pretenziosa, potremmo realizzarlo con un blender professionale. Il succo ottenuto da un blender è totalmente diverso da quello ottenuto da un estrattore di succo, poichè presenta, sì fibre, ma così tante da non poter assaporarlo al meglio. Dunque non lo consiglierei a chi volesse offrire succhi di frutta, ma a chi dagli scarti degli estrattori di succo, volesse ottenere ingredienti per soffritti, zuppe, ecc..

Per apprezzare tutte le caratteristiche degli estrattori di succo professionali, di seguito potete vedere un video, anche se è in inglese si colgono benissimo le differenze e il funzionamento.

Comments(5)
  1. Federica settembre 15, 2015
    • Matteo settembre 16, 2015
  2. Stefania ottobre 14, 2015
    • Matteo ottobre 14, 2015
  3. Patrizia novembre 1, 2015

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *